Enogastronomia

Cannolo di mandorle con ricotta all’arancia

Cannolo 2

E il giro goloso, le tour goulu del Mart, continua …  Stavolta il tumulto gastronomico ha creato un dolce di per sé noto e familiare ma circumnavigando tra ingredienti e motivi l’effetto è senz’altro originale e con gusto esclusivo.

Barbieri, uno dei moschettieri del Master Chef, ha coinvolto tutti stregando con autentica naturalità e mi ha anche rivelato di aver intravisto tra i visitors una brunetta che l’ha incantato. Palpitavo intuendo e sperando fosse Nicoletta mentre lo chef muoveva le sue pedine sulla scacchiera gastronomica…

” CANNOLO DI MANDORLE CON RICOTTA ALL’ARANCIA “

COSA SERVE :

Per i cannoli: 65 g burro, scorza di mezza arancia, 120 g zucchero a velo, 55 g farina 00, 50 g mandorle sfilettate, succo di mezzo pompelmo, miele.                           
Per il ripieno: 120 g ricotta di pecora, 60 g zucchero semolato, 25 g nocciole, mandorle, pistacchio, 110 g panna, 1 cucchiaio di maraschino, 50 g cioccolato bianco, succo di mirtillo, buccia arancia grattugiata.
Per il frullato: Frutti di bosco, 1 bottiglia di Lambrusco, 1 mela, mix di anice stellato e chiodi di garofano.

COME SI FA :

Ha montato il burro ammorbidito con lo zucchero a velo, ha aggiunto la scorza grattugiata, il miele e il succo di pompelmo poi ha unito la farina e le mandorle e ha fatto riposare l’impasto. Intanto ha setacciato la ricotta, l’ha versata in una ciotola e ha aggiunto la frutta secca tostata in forno, il Maraschino, il cioccolato bianco tritato a piccole scaglie, un goccio di succo di mirtilli e la panna montata. Ha preso l’impasto messo a riposare e ha formato dei dischetti di 3cm, li ha messi in una teglia su carta da forno , li ha appiattiti leggermente e cotti in forno a 170° per 5’. Sfornati, li ha lasciati intiepidire un po’ e poi arrotolati sui tubi da cannolo, lasciati raffreddare e quindi staccati. Li ha poi farciti con il ripieno. In una casseruola ha unito il Lambrusco, lo zucchero, la buccia d’arancia, le spezie e ha ridotto il tutto quasi a sciroppare. Ha dunque aggiunto i frutti di bosco: mirtilli, lamponi, fragole e more di Sant’Orsola e ha fatto cuocere per qualche minuto. Ha frullato al mixer i pistacchi e intinto con la polvere ottenuta le estremità del cannolo … Ha quindi guarnito con  fettine di mela e spolverato con zucchero a velo … I visitors si leccavano le dita, Nicoletta fingeva di non vedermi e intratteneva una piacevole conversazione con un alieno antipaticissimo. Ho deglutito male e neanche assaggiato il dolce. Poi però l’ho rimaneggiato a casa.

ABBINAMENTO :

Nel pomeriggio di un giorno da cani, con la testa intronata dal terzo atto della penultima scena in cui Nicoletta rallegrava l’intruso, ho provato a rifare il cannolo e come capita quando si è isterici, mi è venuto benissimo. Non avevo naturalmente usato cipolle eppure avevo gli occhi rossi. Devo comunque abbinare un nettare al cannolo con la possibilità di scolare un bel po’ di bicchieri. Apro un Trentino Superiore DOC Castel Beseno, un Moscato giallo dolce, uve selezionate nella zona collinare altamente vocata, lasciate maturare a lungo sulla pianta fino a raggiungere un colore aranciato. Poi vinificazione fino all’equilibrio zuccherino e maturazione sul lievito. Che dire? Un bouquet, fine e persistente, in bocca è dolce, mieloso, sfiorato da una buona acidità che esalta una lunghezza gustativa sapida, minerale e cristallina. Stupendo! Peccato che Nicoletta non abbia assaggiato la mia versione del cannolo e intrattenuto con le sue magie semantiche. Mi dovrò travestire da alieno e sedurla con racconti stellari … Ma la sirena sfugge sempre accidenti.

Flavio Pedrotti Moser

La mia Rubrica è : ” Odissea nelle Spezie ” ! Siamo tutti diventati navigatori nello spazio culinario, alla ricerca di ricette  per languori sempre più esigenti.Io ne ho provate di ricette, fusioni che molti cuochi non potrebbero immaginare, cibi e vini da convivio in fiamme al largo dei bastioni di Origano e ho visto microonde balenare nel buio vicino alle porte della cantina. Ecco dunque proporvi ricette trovate nelle sinuosità più oscure della esperienza enogastronomica…

 

About the author

user

Add Comment

Click here to post a comment

Categorie Notizie