Concerti -Musica -Teatro

Io La Musica Son… Monteverdi Ai Frari

frarimonteverdi

Dal 31 maggio al 16 giugno 2013 il ciclo di concerti “Io La Musica Son…Monteverdi ai Frari” presso  la Basilica dei Frari a Venezia.

Il 19 agosto 1613 Claudio Monteverdi veniva nominato maestro di cappella in San Marco a Venezia. A 400 anni di distanza, per celebrare l’arte e l’attività del celebre compositore, nasce a Venezia l’Associazione Venice Monteverdi Academy (AVMA), che come primo progetto firma, con la direzione artistica di Roberto Zarpellon, un ciclo di concerti alla Basilica dei Frari, dove Claudio Monteverdi venne sepolto nel 1643 e dove ancor oggi ne è visitabile la tomba.

Il programma propone un approccio spirituale alla musica di Monteverdi: rispetto, ammirazione e tentativo di comprenderne il significato più profondo facendo tesoro della famosa citazione attribuita a Giuseppe Verdi “Tornate all’antico, e sarà un successo”. Prendendo in considerazione anche le dinamiche che la sua opera ha innescato nella storia della musica occidentale, l’intento è quello di creare un organismo vocale e strumentale che affronti l’interpretazione del repertorio monteverdiano e non solo, ponendosi come obbiettivo l’ideale musicale di Monteverdi stesso: un ideale che si rifaceva all’antica tradizione del far musica, del produrre musica, ma soprattutto dell’Essere musica. Da qui nasce infatti la specificità del Festival “…io la Musica son!”, citazione tratta dal Prologo dell’Opera di Monteverdi “Orfeo”.

A inaugurare la manifestazione, venerdì 31 maggio, ore 20, il Vespro della Beata Vergine, composizione che Monteverdi mandò “in esame” alla Procuratoria di S. Marco, mentre prestava ancora servizio alla corte di Mantova. I motivi che determinarono la genesi dell’opera sono, ancor oggi, un mistero insoluto. Certo è che la composizione è una delle vette più alte mai raggiunte dallo scibile umano. Ad interpretare il vespro il Venice Monteverdi Academy Choir, l’Orchestra da Camera Lorenzo da Ponte su strumenti antichi, la Schola Gregoriana Reale Corte Armonica Caterina Cornaro diretti dal Roberto Zarpellon. Il concerto verrà trasmesso dalla Radiotelevisione nazionale austriaca ORF/Ö1 in diretta all’interno dell’European Broadcasting Union (EBU).

Domenica 2 giugno, alle ore 21.00, sempre nella splendida cornice della Chiesa dei Frari, sarà la volta di “Sub pallium tuum”, con il soprano Annelies Oberschmied e l’organista Silva Manfrè. Con l’intento di valorizzare il patrimonio custodito in Basilica, il concerto si rifà alla pala dell’Assunta del Tiziano: “sotto il tuo manto” richiama e rimanda ad una semantica della nostra tradizione, espressa in musica ed in pittura.

Gian Francesco Malipiero vanta senza dubbio un credito nei confronti di Monteverdi, perché se oggi l’opera di costui è fruibile agli addetti ai lavori e al pubblico, lo si deve all’instancabile lavoro del maestro veneziano. Egli contribuì in modo decisivo a proporre una versione in scrittura contemporanea, a tutt’oggi un punto di riferimento di garanzia a differenza delle successive edizioni più aggiornate e cosiddette “filologiche”. Nell’ottica quindi di un omaggio a Malipiero saranno eseguiti venerdì 7 giugno, nell’unico appuntamento alla Scuola Grande di San Rocco (ore 21.00), i primi tre quartetti per archi, con l’Ensemble del violinista Thomas Christian. Musica che guarda all’antico: un modo per comprendere il percorso e l’origine della “Monteverdi Renaissance”, e nel contempo esprimere gratitudine a Malipiero, autore di spessore planetario oggi poco proposto ed ascoltato.

La rassegna prosegue sabato 8 giugno, di nuovo alla Basilica dei Frari, con “Verum, Bonum, Pulchrum” (Aristotele, Tomaso d’Aquino) con musiche di Steffani, Vivaldi, A. Marcello, Haendel, ovvero il “Post” Monteverdi, la ricerca del bello e la Scuola Veneziana. Il concerto sarà eseguito dal soprano Patrizia Cigna e dalla Venice Monteverdi Academy, con Roberto Zarpellon concertatore al cembalo.

A chiudere il programma, domenica 16 giugno, un breve excursus attraverso le opere di due tra i maggiori esponenti delle principali scuole polifoniche della nostra storia musicale: Venezia e Roma. Ad interpretare la musica di Giovanni di Pierluigi da Palestrina, Gregorio Allegri e Claudio Monteverdi il Coro Accademia di S. Spirito di Ferrara diretto da Francesco Pinamonti.

Biglietti:
Concerto Vespro della Beata Vergine (Basilica dei Frari, 31 maggio)
intero: 25 euro + diritto di prevendita
residenti: 20 euro + diritto di prevendita (comune di Venezia e municipalità di Mestre)
under 25: 15 euro + diritto di prevendita
Altri concerti:
Intero 15 euro + diritto di prevendita
Residenti 13 euro + diritto di prevendita (comune di Venezia e municipalità di Mestre)
Under 25 10 euro + diritto di prevendita
Abbonamento 5 concerti (sconto 30%)
Intero euro 60,00 anziché € 85,00
Residenti 52,00 euro anziché € 72,00
Under 25 39,00 euro anziché € 55,00

Per maggiori informazioni www.basilicadeifrari.it

 

Le manifestazioni potrebbero subire cambiamenti, pertanto vi consigliamo di verificare l’evento contattando direttamente gli enti organizzatori.
Veneziaeventi.com non è responsabile di eventuali modifiche delle date dei singoli eventi.

Categorie Notizie