Enogastronimici

Cooking Cup 2011 anche con Veneziaeventi

2011-06-26_Cooking_Cup_2011_IPhon6

Undicesima edizione della S.Pellegrino Cooking Cup 2011, ecco i risultati della regata ! Un evento molto atteso per i velisti e gli Chef di tutto il mondo, noi di Veneziaeventi eravamo ospiti dell’equipaggio del Sud Africa .

 

Grandi cuochi e ottimi velisti per l’edizione 2011 della S. Pellegrino Cooking Cup, la regata che ormai da undici stagioni coniuga la vela e la più innovativa arte culinaria proveniente da tutto il mondo. Una regata costiera divisa in due prove, durante le quali gli chef hanno dato il meglio di sé sottocoperta tra pentole e ingredienti di prim’ordine, spesso acquistati questa mattina di buon’ora allo spettacolare mercato di Rialto.

Buona la partecipazione sulla linea di partenza, con qualche defezione dovuta alla concomitanza con il prestigioso Mondiale di Cherso e a causa del borino acceso che tra ieri e stamattina ha soffiato ancora vivace e ha indotto qualche equipaggio a non rischiare di bolinare con le pentole sui fuochi. In realtà alle 12.30 – orario dello start dato puntualmente dal Comitato di regata presieduto da Giancarlo Crevatin – la bora si è acquietata, lasciando spazio a un cielo terso, un sole splendente e una bella brezza sugli 8 nodi.

Tre le categorie in cui è stata divisa la flotta con le più grandi a fare da apripista fin dalla partenza: Raffica, l’X-41 di Raffaele Masignani e il poco più piccolo La Dolce vita di Domenico Bristot si danno battaglia in testa, tallonati da Jalla Bibi di Michele Carniello. Subito alle loro spalle splendida prova di Germany, timonata da Simone Eulisse, che fa parte dei one design sui quali vengono imbarcati i rappresentanti dei mercati di S.Pellegrino.

La prima prova si conclude all’altezza del campanile di Malamocco, ma la parte più tecnica e difficile comincia appena qui, con l’ingresso nel canale di Malamocco e la risalita in laguna fino a Poveglia, dove è posto l’arrivo.

A vincere la classifica velica assoluta in tempo compensato e quindi conquistando il Trofeo challenge Compagnia della Vela è Raffica di Raffaele Masignani (Yacht Club Lignano).

Per quanto riguarda i fantastici piatti proposti dagli chef professionisti si impone – vincendo il Trofeo S. Pellegrino – lo svedese Daniel Berlin con uno sgombro lievemente affumicato, servito con cetriolo, cavolfiore, burro scuro e erbe selvatiche. Ottima prova anche per l’evocativo piatto dell’israeliano Orel Kimchi intitolato “Una passeggiata sulla spiaggia”, mentre chiude terzo Enrico Pianegonda su Raffica con dei perfetti maccheroncini marchigiani.

Non da meno i cuochi non professionisti: Antonella Zanellato su Aliblu conquista il Trofeo Acqua Panna (e un weekend in Toscana nella cornice così charmante di Villa Panna) con il suo Trionfo del doge, un bucintoro realizzato in crespelle.

Continuando con i trofei challenge, l’ambito Scolapasta d’argento – riservato al circolo velico che ha piazzato al meglio la propria squadra composta da tre barche – va al circolo organizzatore, la Compagnia della Vela di Venezia.

La classifica combinata vela-cucina per le tre classi è la seguente: in categoria A (le imbarcazioni più grandi) Raffica anticipa La dolce vita e Jalla Bibi; nella numerosa categoria B vince Israel, seguito da Sweden e Germany; tra i piccoli della categoria C il podio è composto da Katama, Aliblu e Bianconiglia.

Il premio speciale ideato da Vittorio Missoni per l’equipaggio vestito nella maniera più bizzarra va a La dolce vita.

Il vincitore assoluto della S.Pellegrino Cooking Cup 2011 è Raffica di Raffaele Masignani dello Yacht Club Lignano con chef Enrico Pianegonda.

COMUNICATO STAMPA 18 – 25 giugno 2011

Ufficio stampa Compagnia della Vela ASD

http://www.compvela.com

Giornale di bordo scritto da Maria Botter …

E’ iniziato tutto per gioco questa bellissima avventura, ho chiesto ad una persona se potevamo partecipare per vivere con macchina fotografica e videocamera questo bellissimo evento. E così è stato , ho saputo sabato mattina alle 9,30 qual’era il mio equipaggio , gareggiavo con la barca del Sud Africa eravamo in 8 di cui 2 skipper professionisti , uno Chef sudafricano, tre ospiti  più la responsabile Giorgia della San Pellegrino . Devo dire che io per il momento non sò andare in barca a vela, ma presto farò un corso perchè voglio imparare , quindi me ne stavo tranquilla e rilassata a vivere il mare . Giornana con un sole meraviglioso, arietta giusta e mare OK . Alle ore 12,30 è iniziata la regata , la partenza di fronte al Des Ben al Lido di Venezia . Tutti erano pronti , circa 40 imparcazioni di cui 11 della San Pellegrino . Devo dire che andare a vela non è facile, hai molte variabili che possono farti cambiare tutto ! Il Vento , a volte c’è e a volte ti verrebbe da scendere e soffiare, ci è successo più di qualche volta ieri , e tu aspetti , il tempo viene anullato , ti guardi in giro per vedere le altre imparcazioni e a volte ti consoli perchè quello dietro ha lo stesso problema , ma quelle più avanti no 🙂 Poi il Mare con le sue correnti , le onde , questa quantità immensa di mare che non vedi la fine … poi ieri si parlava della barca ! Se stai facendo una regata è fondamentale che la barca sia all’altezza , e su questo non mi esprimo visto che non è un settore di mia competenza . Poi l’equipaggio … dicono che sia molto importante 🙂 Diciamo che i tre primi classificati , che presto pubblicherò , erano dotati di un equipaggio molto serio e competente , chi và in mare sà come prenderlo ed è molto affascinante . Mentre si regatava il nostro Chef ha iniziato a prepare  il piatto che serviva alla giuria per poi dare una valutazione . Gli ingredienti erano scampi, alette di pollo, asparagi , finferli , fagioli sgusciati e marinati e dei fiori per esaltare la bellezza del piatto . Alla fine della regata che è terminata verso le 15,40 circa , prima di rientrare in porto ci si mette in coda per consegnare il piatto alla giuria gastronomica. Loro si trovano sul Timoteo , una speciale imbarcazione veneziana , e ogni anno viene gentilmente concessa da  Vittorio Missoni  . Ecco do pu pò d’attesa per aspettare il proprio turno , alcuni di altre imbarcazioni  sono nervosetti :))) Consegnamo i nostri due piatti, uno per le foto e uno per gli assaggi  e dopo un fragoroso applauso della giuria e foto di rito , ci siamo recati finalmente in porto . Poi altra foto di fine regata in attesa dell’arrivo della barca dei giudici . Al loro arrivo è stata allestita una lunghissima tavolata dove sono stati esposti tutti i piatti dei concorrenti , devo dire che alcuni erano veramente originali . Il mio preferito , forse anche perchè mi era stato raccontato in tutta la sua ideazione e creazione , è ” Scampi in passeggiata ”  eseguito dallo Chef Riccardo De Prà del ristorante Dolada a Pieve d’Alpago e presentato dell’equipaggio bellunese ” La Dolce Vita” . Praticamente è stato creato un bosco che ospitava 2 scampi in passeggiata , ad accompagnarlo tre salse , una con lo zenzero, insomma un capolavoro ! Per finire questa lunga ed intensa giornata , alle ore 20.00 siamo saliti tutti nella meravigliosa location della Compagnia della Vela e c’è stata la premiazione  in presenza del Sindaco di Venezia , Giorgio Orsoni  ed è seguita la  cena, molto piacevole  grazie anche all’ottima compagnia che avevo a tavola. Ecco questa è stata la mia bellissima giornata alla Cooking Cup 2011 …. ci saremo anche il prossimo anno , magari con la nostra barca di Veneziaeventi e uno Chef che preparerà un piatto speciale dedicato a Venezia.

Saluti da Maria Botter

Per vedere tutte le immagini cliccate qui sotto :

Il Video !!!

http://www.youtube.com/watch?v=kzrG49CIltY

2011-06-26_Cooking_Cup_2011_IPhon7    2011-06-26_Cooking_Cup_2011_IPhon20

Categorie Notizie