Family

Museo Etnografico Provinciale delle Case Piavone

mjhgg

Il Museo Etnografico delle Case Piavone, complesso architettonico rurale le cui origini risalgono al tardo Seicento, nasce all’interno dell’area del fiume Storga, che raccoglie le acque di un gran numero di polle di risorgiva, tra le quali quelle del Piavone e di altri corsi d’acqua minori.

Il complesso si configura come struttura polifunzionale, un laboratorio finalizzato ad attività culturali e scientifiche, punto di riferimento zonale dedicato alla salvaguardia e alla promozione della cultura locale che offre diverse opportunità:

* Spazi destinati ad esposizioni documentarie su temi specifici della cultura popolare locale, anche prevedendo confronti con territori e culture differenti.
* Locali adibiti a deposito dei materiali documentari non esposti per una loro accessibilità da parte degli studiosi.
* Studio della cultura popolare e sua documentazione mediante l’ausilio di materiali scientifici (immagini visive e sonore, pubblicazioni attraverso la realizzazione di un archivio, una biblioteca, una fonoteca, nastroteca e supporti DVD) fruibili da parte di studiosi e non.
* Attività didattica con l’organizzazione di uno spazio-laboratorio.

Mostra “Tradizioni e Storie di Pesca nel Trevigiano”

Tra le attività umane che la modernità ha intaccato in minor misura, nella sua anima più intima, la pesca in acqua dolce può essere considerata una delle più peculiari. Tanto gli strumenti , quanto la loro nomenclatura, risultano pressoché immutati dagli albori di questa attività, di cui si hanno notizie sin dall’età classica. Piave, Sile e Livenza i corsi d’acqua maggiormente interessati , ma anche nei canali minori e piccole pozze, la ricchezza della fauna permetteva di pescare una vasta varietà di specie : dallo storione al gambero d’acqua dolce, dalla carpa all’anguilla. La mostra “Tradizioni e storie di pesca nel Trevigiano” esplora un universo poco conosciuto, guida alla riscoperta di abitudini e costumi indaga su modalità e tecniche della pesca di fiume. Ma da questo punto di partenza si sposta alle tradizioni popolari “affini” legate alla pesca , quali il repertorio canoro, i giochi dei ragazzi che imitano gli adulti sul corso dei fiumi, le ricette, sia quelle raffinate che quelle più popolane , attraversando quindi un’ampia sfera di ambiti. E’ un’importante testimonianza della nostra identità. La provincia di Treviso ritiene di importanza fondamentale la cultura dell’ambiente e il rispetto della fauna ittica e non a caso è attivissima nel progetto di ripopolamento dei fiumi, anche di specie che stavano scomparendo come lo storione Cobice.
Museo Etnografico Provinciale

Via Cal di Breda 130, Treviso.
Telefono: 0422.308910
Fax: 0422.306518
E-mail:museo@provincia.treviso.it

Referente: Gloria Toffolo 0422 656707

Orari del museo
Dal giov alla dom, 09.30 – 12.30 e 15.00 – 18.30

About the author

user

Add Comment

Click here to post a comment

Categorie Notizie