Feste - Fiere - Mercati

Sagra di San Biagio 2015

san martino di lupari sagra di san biagio 250x141

Dal 30 gennaio al 3 febbraio 2015 si terrà la “Sagra di San Biagio” a San Martino di Lupari (PD).

Il comune di San Martino di Lupari patrocina la “Sagra di San Biagio” evento che dal 30 gennaio al 3 febbraio animerà gli impianti sportivi di Monastiero con tanto di pranzo sotto al tendone domenica 2.

La manifestazione, nata alla fine dell’Ottocento come fiera franca e continuata anche negli anni bui delle guerre fino agli anni ’50, sarà incentrata sulla degustazione della tradizionale “Torta di San Biagio“.

I  dolci, eseguiti secondo un’antica ricetta, saranno confezionati dalle donne del paese e venduti in loco.

Alcuni cenni sulla storia di San Biagio:
Celebrato il 3 febbraio, San Biagio è il protettore della gola.
Biagio è vissuto nel IV secolo, era un medico di origine armena. E’ ritenuto dalla tradizione vescovo della città di Sebaste in Armenia al tempo della “pax” costantiniana, dove operò numerosi miracoli. Vescovo, dunque, governava la comunità di Sebaste quando nell’Impero Romano si concede la libertà di culto ai cristiani, nel 313 d.C. sotto Costantino e Licinio. Biagio muore martire intorno al 316 d. C. ossia dopo la fine delle persecuzioni. Perché? Non c’è modo di far luce. Il suo martirio è spiegato dagli storici come una persecuzione locale dovuta ai contrasti tra l’occidentale Costantino e l’orientale Licinio. Arrestato dal preside Agricolao durante la persecuzione ordinata da Licinio, fu imprigionato, lungamente picchiato e sospeso ad un legno, dove con pettini di ferro gli fu scorticata la pelle e quindi lacerate le carni. Dopo un lungo periodo di prigionia, fu gettato in un lago, dal quale uscì salvo, quindi per ordine dello stesso giudice, subì il martirio. Decapitato insieme con due fanciulli e l’uccisione di sette donne, arrestate perché raccoglievano le gocce di sangue che scorrevano dal corpo dello stesso martire durante il suo supplizio. E’ stato innalzato alla dignità di Santo ed è invocato contro i mali di gola, perché durante la sua prigionia guarì miracolosamente un ragazzo che aveva una lisca di pesce conficcata nella trachea. San Biagio lo si venera tanto in Oriente quanto in Occidente e per la sua festa è diffuso il rito della “benedizione della gola” fatta poggiandovi due candele incrociate (oppure con l’unzione mediante olio benedetto).

La torta:
E’ realizzata con un fondo di pasta brisé su cui viene adagiato un goloso ripieno a base di mandorle sbucciate unite a zucchero, uova e cioccolato fondente. Dopo 30 minuti in forno a 150° la torta è servita.

Per maggiori informazioni: http://www.comune.sanmartinodilupari.pd.it/

 

Le manifestazioni potrebbero subire cambiamenti, pertanto vi consigliamo di verificare l’evento contattando direttamente gli enti organizzatori.
Veneziaeventi.com non è responsabile di eventuali modifiche delle date dei singoli eventi.

About the author

user

Add Comment

Click here to post a comment

Categorie Notizie