Feste - Fiere - Mercati

San Valentino a Venezia Tre giorni al prezzo di due

getImage

Chi prenota sabato e domenica avrà il lunedì «in dono». Iniziativa di «Marketing Eventi» sposata dagli albergatori: «Festa ideale, perchè di solito caratterizzata dai last minute»

 

Nell’immaginario collettivo si contendono sicuramente il primato. Parigi e Venezia, le città dell’amore. Ora però il capoluogo lagunare rilancia, presentando la nuova offerta per il weekend che precede San Valentino (12-13 febbraio): tre notti al prezzo di due. Una cena a lume di candela, due passi in piazza San Marco o tra le romantiche calli e una serata in più, quella di lunedì, da progettare senza limiti di tempo. Una notte gratis insomma e proprio mentre la città si riempirà delle animazioni progettate dalla «Venezia Marketing Eventi». L’idea, presentata idal presidente Piero Rosa Salva alle categorie e all’assessore comunale al Turismo Roberto Panciera, ha trovato il favore immediato di Ava (Assoalbergatori) e Atav (Associazione turistica albergatori veneziana), che hanno dato il loro beneplacito (Unindustria, invece, non aderirà). «La proposta richiamerà turisti in un weekend che altrimenti sarebbe stato di calma piatta — dice Gloria Beggiato, vicepresidente di Ava — il format alberghiero è semplice: gli ospiti che si fermeranno per il weekend potranno rimanere gratuitamente anche la notte di lunedì, passando così un San Valentino da sogno». «Il pacchetto è pensato per adattarsi alle esigenze dei clienti — spiega Beggiato — certo, dormire a Venezia la notte di San Valentino è tutta un’altra cosa. Grazie alle animazioni, poi, che avranno la città stessa come palcoscenico d’eccezione, verranno coinvolti anche i residenti». Albergatori, B&b, dunque, ma anche i ristoratori, che potranno proporre un menù speciale. «Coinvolgeremo tutte le categorie, quello di quest’anno sarà il numero zero di un nuovo format destinato a durare nel tempo — incalza Rosa Salva— vista l’esperienza positiva del Capodanno iniziata una decina d’anni fa, abbiamo pensato che fosse arrivato il momento di dare vita ad un nuovo progetto. Queste ricorrenze hanno un’identità ben precisa e sono vissute dalle persone in modo molto partecipato. Abbiamo pensato di promuovere Venezia come città dell’amore, valorizzandone le bellezze, alle quali affiancheremo animazioni semplici e giovani». «I tempi sono stretti ma abbiamo pensato di partire subito, piuttosto che slittare al prossimo anno—rivela Rosa Salva — il weekend di San Valentino, infatti, è caratterizzato spesso da turismo last minute. Sono molti i fidanzati che acquistano un pacchetto all’ultimo momento, quindi il pubblico potenziale di riferimento sarà ampio». Una manna dal cielo per gli albergatori, in questo momento di difficoltà per loro.  «Il Carnevale quest’anno arriva molto tardi (il clou cadrà 5 e 6 marzo) — dice Flavio Carraro, presidente di Atav — nonostante l’idea di ampliare l’offerta nel weekend del 19 e del 20 febbraio le cose non sembravano migliorate molto. Per quei due giorni abbiamo ricevuto poche prenotazioni, un segnale forte come questo proposto da V&M potrebbe cambiare le cose».

Info : www.veneziasi.com

Categorie Notizie