Letture

Anime e corpi

MANONELLAMANO

” Tra sogno e realtà … Anime e corpi ” di Ielpo Mariella .

Racconto .

Anime vaganti in corpi materiali questo siamo, contraddistinti dal nostro io, carattere, azioni, modi, pensieri diversi ma legati tra noi per una stessa meta, la soddisfazione personale; una vita di quiete, tranquillità e appagamento. Volti si affacciano dinanzi a noi, giovani-adulti-anziani; corte, medie, lunghe rughe che segnano il tempo che passa, si condivide una parte del destino, una strada, un giorno, un sentiero, una vita per poi crescere tra dolori sofferenze gioie e felicità.  Alti e bassi che non capiamo o facciamo finta di non capire e poi chiediamo sempre il perché di ciò che avviene, domande per lor più senza risposta o con metà di essa, ma continuiamo a sperare, ancora di salvezza di molti di noi, unica via di uscita per superare le travi che ci vengono messi innanzi.  Ho incontrato, incontro e sicuramente incontrerò persone diverse, molto diverse con le quali mi relaziono a secondo della situazione, del luogo, della posizione sociale, ma poi alla fine mi accorgo che siamo tutti uguali.  Una classifica ipotetica di ciò che l’uomo vuole e che mette al primo posto in base alle mie esperienze è L’AMORE.  L’appagamento sentimentale rende la vita tutta rosa, si dice mal comune mezzo gaudio, forse è vero o forse no, ma sicuramente le persone che hanno la fortuna di avere un’anima accanto che la sostiene con uno sguardo, una carezza, un sorriso la rende invincibile. Un uomo e una donna due storie in una due corpi un anima. S’incontrano giovanissimi, s’innamorano i primi baci, le prime carezze, i primi sospiri, sussurri, emozioni uniche e irripetibili. Si giurano eterno amore, ma la vita per loro aveva in serbo ben altro. Dopo 4 anni si perdono tra le vicissitudini, i sotterfugi, le difficoltà di tutti i giorni, che non riescono a superare insieme, iniziano a litigare ed ognuno va per la sua strada. Passano anni tanti oltre 25, nei quali lui soffre per una carenza d’affatto, si lancia in ogni rapporto con tutto se stesso, sperando che sia quello giusto, ma ogni volta si ritrova a camminare con un’ombra sola, solitudine e tristezza lo accompagnano; lei si sposa, due figli, ma una vita tra litigi, botte, pianti e sottomissioni, fin quando stanca, prende i figli e va via di casa e ricomincia di nuovo da zero. Un giorno di giugno, un posto lontano dal suo paese, un luogo, un lavoro estivo e lì un uomo, due sguardi che si ritrovano, si abbracciano e si uniscono. Ecco la loro vita riprende, come doveva essere; due dolori: maschile e femminile, due destini un unico scopo trovare una mano che ti sorregge e ti aiuti, una spalla sincera su cui chinarsi e un abbraccio in cui perdersi.

 

  

About the author

user

Add Comment

Click here to post a comment

Categorie Notizie